20 Giugno 2024

Altitudine – 1682mt

Difficoltà – E (escursionista)

Dislivello – 709mt dal Piano Rancio

Gruppo montuoso – Prealpi comasche

Rifugi – Rifugio Martina (1380mt)

Periodo dell’anno (consigliato) da Marzo a Novembre

Tempo di percorrenza: A:1,30h – R:1,15h (dal Piano Rancio)

Una bella e panoramica escursione giornaliera non troppo distante dall’hinterland, con annesso un caratteristico pranzo in rifugio o un pic-nic vista lago e vette. Il Monte San Primo troneggia in un punto decisamente strategico.

Brevi cenni geografici

Coi suoi 1682 mt è la cima più alta del triangolo lariano, porzione di territorio delimitato ai lati dai due rami del lago di Como e alla base da sei piccoli laghi (Segrino, Pusiano, Alserio, Montorfano, Annone e Garlate). Dalle sue dorsali nasce il Torrente Perlo. Il monte fa parte amministrativamente del comune di Bellagio.

Come arrivare

Da Milano – Monza: dirigiti verso nord per imboccare la statale SS36, direzione Lecco, prendere l’uscita Annone Brianza e gira a sx in Via Marco D’Oggiono/SP49. Prosegui in direzione Canzo/Asso. Giunto a Magreglio, prima della Madonna del Ghisallo (protettrice dei ciclisti) gira a sx. Dopo pochi minuti arriverai al Parcheggio.

1 h da Monza – 1,30 h da Milano

Periodo dell’anno

L’escursione al Monte San Primo può essere fatta in ogni periodo dell’anno, tenendo un occhio vigile al meteo. Ogni stagione dona le sue particolarità regalandoti una gamma varia e unica di colori e profumi. Io tuttavia consiglio ai meno esperti di evitare i mesi più freddi (dicembre, gennaio e febbraio). Il terreno potrebbe essere innevato e la ripida salita (dal piano rancio), potrebbe risultare impegnativa per gli hikers non abituati alla montagna invernale.

La fine del Sentiero

Escursione al Monte San Primo– da Piano Rancio

Dal parcheggio del piano Rancio segui le indicazioni per il rifugio Martina, la strada entra in un suggestivo bosco, si comincia a salire testando la tua forma del giorno. In breve assaporerai lo scenario sul lago, un assaggio della meravigliosa ricompensa che ti aspetta in vetta.

In 20/25 minuti si giunge al Rifugio, e se hai intenzione di pranzarvi ti consiglio di prenotare per tempo (da provare!). Dal Martina il sentiero riprende l’ascesa, costeggiando dei bei prati che richiamano il relax, non farti attrarre dalle sirene dell’ozio ma prosegui, ancora uno sguardo pieno al lago prima di addentrarti in una boscaglia tagliata da un sentiero roccioso e un po’ impegnativo. La salita non concede tregua ma non demordere.

La vegetazione si fa meno fitta, l’esposizione si apre per gli ultimi venti minuti di cammino, con qualche stralcio sul panorama. Ultimi strappi pensati per inzuppare completamente la maglietta, aiutati se necessario con le mani (nel caso tu non abbia i bastoni). Rampa finale a raccogliere finalmente il sorriso soddisfatto ed estasiato che si stamperà sul tuo viso. Da sopra c’è l’imbarazzo della scelta, ovunque si guardi è godimento per gli occhi. In vetta una croce e due antenne radio, ma soprattutto tanti punti dove fare delle belle foto.

Per il ritorno ripercorri il sentiero dell’andata, con cautela in 45/50 minuti si ritorna al rifugio per la meritata polenta uncia (hai consumato un sacco di calorie, puoi permettertela).

 

La Vista dalla Vetta

Escursione dalla Colma di Sormano

Percorso più lungo ma con una salita più graduale. Il sentiero è più esposto

Pro – visuale aperta con la fatica mitigata da quello che vediamo, dislivello più morbido.

Contro– nessun riparo dal sole e più chilometri.

Il tempo di percorrenza di questa variante è di circa 2,20h in salita e 2h in discesa. Non ho provato ancora questo tratto, appena riuscirò sarò più esaustivo.

Ultimo tratto arrivando dalla colma di Sormano

Visuale

Pur non essendo una vetta altissima offre agli escursionisti una vista privilegiata. Difatti, verso Nord abbiamo un’ampia visuale sulla Valtellina e le Alpi, a sud la velenosa Brianza, Milano e nelle giornate più limpide si può intravedere la linea sottile delle dorsali appenniniche. Dalla cima ci si rende conto della forma del Lago di Como, coi due rami ai lati e la parte centrale che si sviluppa davanti a Bellagio. Una veduta tra le più belle, fin ora godute, della regione a mio avviso.

Attrezzatura

Come per ogni escursione portati sempre da bere e qualcosa mangiare. La durata è piuttosto breve, cerca di avere comunque un litro di acqua e qualche snack energetico (frutta secca, uva passa, barrette…). Scarpe adatte al trekking con un buon sostegno alla caviglia, calze adeguate, come sempre consiglio di non lesinare sulla qualità dei supporti per i nostri piedi. Un cambio maglietta a discrezione.

Io non uso bacchette abitualmente, in questi frangenti ammetto che sono piuttosto utili, in particolar modo per mantenere un buon equilibrio in discesa.

Zaino comodo, 20 litri più che sufficienti.

Fate il pieno di panorama

La salita al Monte San Primo si presta a molti ma non proprio a tutti, eviterei di portare bambini troppo piccoli o non abituati a camminare. Per gli adulti è un buon banco di prova, sono convinto che la vista invogli anche i più pigri alle escursioni. Il rifugio è raggiungibile da chiunque per godersi comunque un bel panorama oltre che il pranzo che, dopo la fatica e con gli occhi pieni di beltà, ha tutto un altro sapore. Ricordati sempre: un passo alla volta e goditi il viaggio.


This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *